Il cous cous

Il cous cous, prodotto rappresentativo della cucina nord-africana, in arabo Kuskusu vuol dire tritato a pezzettini, vanta un’importante tradizione anche in Sicilia dove è considerato prodotto agroalimentare tradizionale, principalmente nella zona di Trapani, quale retaggio della dominazione araba. Ottenuto dalla semola di grano duro macinata, in Sicilia è quotidianamente impiegato per la preparazione di numerosi piatti ed  è protagonista di una vera e propria festa che ogni anno si tiene nel borgo marinaro di San Vito lo Capo. La ricetta trapanese è a base di pesce misto, con l’aggiunta di aglio, cipolla, pomodorini, alloro e zafferano. Il tutto cotto in una particolare pentola in terracotta dipinta, la couscoussiera, divisa in due parti. Nell’elemento inferiore della pentola viene versato il brodo, in quello superiore, invece, si dispone la semola. Nella tradizione le due parti, durante la cottura, vengono tenute insieme da una striscia di pasta di pane fresca, chiamata cudduruni.

cous cous sicily sicilia san vito lo capo
Cous Cous